Tag

, , , ,

Il discorso di Mao Valpiana, presidente del Movimento nonviolento, alla Rocca di Assisi in occasione del cinquantesimo anniversario della Marica per la pace e la fratellanza dei popoli Perugia-Assisi. 25/09/2011.


“I giovani del 1961 hanno camminato oggi insieme ai giovani del 2011.
Abbiamo camminato seguendo due idee fondamentali: pace e fratellanza.
Pace e fratellanza sono il programma politico che Capitini ci ha indicato
nel 1961 e che ancora oggi è il nostro programma politico.

Pace e fratellanza si raggiungono attraverso una strada maestra che è
quella del disarmo.
Disarmo significa riduzione drastica delle spese militari.

L’articolo 11 della Costituzione italiana dice: “l’Italia ripudia la
guerra”. Per ripudiare la guerra noi oggi dobbiamo ripudiare gli strumenti
che la rendono possibile: gli eserciti e le armi.
Ringraziamo il presidente Napolitano del messaggio che ci ha inviato oggi,
ma gli diciamo che l’articolo 11 vale sempre, vale anche per la guerra in
Libia, e vale per la guerra in Afghanistan!
Non si possono difendere i diritti umani con i bombardamenti.

E solo quando realizzeremo e applicheremo veramente l’articolo 11 della
Costituzione avremo la strada aperta per attuare concretamente tutti i
dieci articoli precedenti: la pace, la giustizia, l’uguaglianza, il lavoro
dignitoso per tutti, si possono ottenere solo attraverso l’abolizione
della guerra e della sua preparazione.

La vera marcia, lo sappiamo, comincerà questa sera, quando ognuno di noi
tornerà nella propria casa con l’impegno di realizzare il programma
politico nonviolento: pace e fratellanza.
Per cominciare, dobbiamo partire da noi stessi, ognuno di noi deve fare il
proprio disarmo.
Un disarmo unilaterale, un disarmo culturale. Fare cadere i muri dentro le
nostre teste. Spezzare il proprio fucile.
Non aspettiamo che siano gli altri a disarmare, incominciamo noi!

Questa è la chiave della nonviolenza: partire dalla propria esperienza,
mettere in gioco la propria vita.
Questo è l’orizzonte che ci ha mostrato Aldo Capitini, questo è il varco
attuale della storia che Capitini ha indicato dalla Rocca di Assisi
cinquant’anni fa.

Il Movimento Nonviolento, da lui fondato, prosegue il cammino nella
direzione di una politica nonviolenta per l’opposizione integrale alla
guerra.

Concludo portandovi il saluto di Pietro Pinna, il primo obiettore di
coscienza italiano che ha aperto la strada nel nostro paese all’obiezione
di coscienza: obiettiamo alle armi, obiettiamo agli eserciti, obiettiamo
alla guerra!”.

Annunci