Lettera aperta di Mao Valpiana a Flavio Tosi

Caro Sindaco,

in occasione della convention al Palabam di Mantova per il lancio della tua Fondazione “Ricostruiamo il paese”, dove presenterai il tuo programma per la candidatura alle primarie del centrodestra, voglio farti un paio di domande pubblicamente.

Come ben sai appartengo ad un altro schieramento e ho sempre contrastato molte delle tue scelte amministrative per la nostra città (dal traforo alle panchine con divisorio, per citarne solo due…), tuttavia ti riconosco capacità comunicativa e politica. Penso dunque che sarà utile anche per te darmi risposte pubbliche.

Visto che ti candidi al governo del paese, vorrei sapere cosa prevede il tuo programma sul tema, per me decisivo, delle spese militari e della difesa. L’Italia oggi sostiene una spese militare di 26 miliardi di euro, cui si devono aggiungere i 15 miliardi previsti per l’acquisto dei nuovi cacciabombardieri F35 (e poi ne spenderemmo tre volte tanto per l’esercizio e la manutenzione).

La sproporzione tra le spese per la difesa armata e la difesa nonviolenta è enorme. Nel 2012 i circa 3000 militari italiani schierati in Afghanistan ci sono costati più di 1,4 miliardo di euro. Mentre per i 20.000 volontari del servizio civile in patria sono stati spesi solo 68 milioni di euro. Vorrei sapere cosa prevede il tuo programma per attuare l’articolo 11 della Costituzione “L’Italia ripudia la guerra”.

Sarebbe davvero interessante se per “ricostruire il paese” tu decidessi di spostare finanziamenti dalla spese militare alla spesa sociale. I veri “nemici” da battere oggi non sono fuori dai nostri confini, ma sono qui in mezzo a noi: la disoccupazione, la crisi economica, l’inquinamento, la cementificazione, la povertà, ecc…

Spero di sentire dal Palabam di Mantova il tuo impegno per la riduzione drastica delle spese militari, l’abolizione totale del programma F35, il ritiro immediato delle truppe dall’Afghanistan.

Mi illudo?

Un caro saluto e auguri di buon lavoro

 Mao Valpiana

Annunci